BORSE DI STUDIO PER STUDIARE IN FRANCIA

SEI ISCRITTO IN UN’UNIVERSITÀ ITALIANA E VUOI STUDIARE IN FRANCIA

Visita il sito di Campus France Italia:

http://www.italie.campusfrance.org/
italie.campusfrance@gmail.com
Lo spazio Campus France nelle sede dell’IF-CSL è aperto il martedì e il mercoledì (11:00-13:30 / 14:30-18:00). L’accoglienza telefonica si fa solo agli orari di apertura dello Spazio allo 06 680 2623.

 

SEI ISCRITTO IN UNA PONTIFICIA UNIVERSITÀ E VUOI STUDIARE IN FRANCIA

 

La Francia dispone di numerose istituzioni d’insegnamento superiore in grado di interessare gli studenti delle pontificie università di Roma.

LA RICERCA

BORSE DI STUDIO IN TEOLOGIA DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

Il programma di borse di studio creato dal Ministero francese degli Affari Esteri è rivolto agli studenti che desiderano beneficiare degli insegnamenti in teologia proposti dalle istituzioni di insegnamento superiore francesi. Offre borse di studio a studenti francofoni, in priorità religiosi o ministri del culto, di livello master e dottorato o, eventualmente, dopo tre anni di studio con deroga, se il candidato è originario di un paese che non dispone delle infrastrutture necessarie.

Le candidature di studenti in corso di studi all’estero sono prioritari su quelle di studenti già residenti in Francia.

I cittadini di un paese dell’Unione Europea e d’America del Nord non sono eleggibili a questo programma.

http://www.diplomatie.gouv.fr/fr/venir-en-france-22365/etudier-en-france-12794/financer-le-projet-bourses/

IMMERSION FRANCE, CHE COS’E’ ?

Una nuova applicazione per incrementare la mobilità di soggiorni a breve durata verso la Francia e per promuovere i soggiorni linguistici presenti nelle regioni d’Oltralpe.
Quasi 400 offerte abbinate alle formazioni in lingua francese e alle scoperte turistiche del territorio.

  • un’applicazione per smartphone e tablet multilingue, gratuita e facile d’uso  ;
  • un catalogo con l’elenco delle migliori offerte proposte dalle scuole di lingua in Francia : label Qualité Français Langue Étrangère, label Qualité Unosel, contrat Qualité Office et établissements membres du forum Campus France ;
  • una consulenza monitorata per un soggiorno su misura ;
  • una mappa interattiva per scoprire le regioni francesi ;
  • più di 100 fotografie e video da promozione ;
  • centinaia offerte di soggiorni  includendo apprendimento della lingua francese e gastronomia, percorsi turistici, formazioni

          Scarica l’applicazione immersion France

         Un’offerta per le scuole è anche disponibile per rispondere alle richieste degli stabilimenti bilingue.

Vai al sito http://www.ifcsl.com/

Pubblicato in Simona C. Farcas | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Roma 15 – 19 marzo 2017: “Let’s Play – Festival del Videogioco”

ROMA. Let’s Play VideoGame è l’evento dedicato ai videogiochi che si svolgerà dal 15 al 19 marzo 2017 al Guido Reni District, l’area dell’ex caserma situata proprio di fronte al MAXXI. Un evento completamente nuovo per una grande realtà come quella del videogioco, che conta in Italia decine di milioni di appassionati e un giro d’affari che sfiora il miliardo.

Il Festival si rivolge ad operatori ed appassionati del mondo dei videogame, e promuove l’incontro tra operatori italiani e internazionali, esperti, giornalisti e istituzioni, per sostenere lo sviluppo del tessuto imprenditoriale legato alla creatività e all’innovazione. L’iniziativa è promossa da QAcademy e Let’s Play, in collaborazione con la Regione Lazio e con l’AESVI – Associazione Editori e Sviluppatori Videogiochi Italiani, e con il sostegno del MiBACT.

Vai al sito www.letsplay.net/IT

Pubblicato in Euroitalia | Contrassegnato , | Lascia un commento

ALFEDENA, DALLA RUSSIA CON AMORE !

Olena Zaytseva presta giuramento da cittadina italiana.

Il conferimento della Cittadinanza italiana con Decreto del Ministro dell’interno, cui seguono i provvedimenti del Prefetto e del Sindaco, è un fatto eccezionale, straordinario nella comunità alfedenese. Anzi senza precedenti nella consiliatura del Sindaco Massimo Scura.

Destinataria sabato 11 marzo 2017 ne è stata Olena Zaytseva coniugata Monacelli, per tutti ad Alfedena, Elena, la quale ha prestato  il Giuramento per l’acquisizione della Cittadinanza Italiana «Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi dello Stato»

Elena vive nel borgo montano abruzzese da 13 anni, ed in Italia da 17.  Madre di due bimbe, ha finalmente conseguito la sua grande aspirazione. Dopo un iter inenarrabile, dalla nativa Russia e dalla Ucraina in cui visse la sua adolescenza. La nuova patria italiana la accoglie e la riconosce cittadina in Alfedena.

Dedita alla famiglia e al lavoro nell’azienda agricola del marito, Elena ricambia i cittadini di Alfedena con la sua laboriosità, cortesia e gratitudine.

Ad Elena, e alla sua bella famiglia, gli auguri più fervidi di ogni felicità, successo e fortuna, con l’aiuto di Dio.

Con il forte, corale abbraccio degli alfedenesi !

Fernando e Simona Cecilia Crociani Baglioni

Pubblicato in Euroitalia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Roma, anziani risorsa per il Paese. Convegno alla Camera dei Deputati

 

Lunedì 20 marzo alle 14.30 alla Camera dei Deputati, nella Sala della Lupa, si terrà il Convegno “Anziani una risorsa per il Paese” organizzato, con il Patrocinio della Camera dei Deputati, dal Patto federativo a tutela degli anziani nel quale interverranno fra gli altri lo scienziato Edoardo Boncinelli, la dott.ssa Carla Collicelli e l’on. Edoardo Patriarca, componente della XII Commissione (Affari Sociali) e primo firmatario della proposta di legge “Misure per favorire l’invecchiamento attivo della popolazione attraverso l’impiego delle persone anziane in attività di utilità sociale e le iniziative di formazione permanente”.

Le Associazioni firmatarie del Patto Federativo rappresentano a vario titolo la realtà italiana di anziani impegnati attivamente in più contesti, dal volontariato alla presenza nel tessuto sociale, e sono espressione dell’esercizio attivo della cittadinanza delle persone “più avanti in età”, smentendo così l’errata convinzione, oggi diffusa, che identifica negli anziani una componente della società unicamente consumatrice di risorse. Nel corso del Convegno verranno presentate alcune iniziative di volontariato con concrete ricadute sul welfare animate e volute dagli anziani che vedono operare insieme, in uno spirito di puro volontariato, giovani e “più avanti in età”: solo nel dialogo fra le generazioni è possibile contribuire alla costruzione del bene comune, che altro non è che la vita dei nostri figli e delle nostre famiglie.

Le testimonianze delle attività concrete di anziani a favore della collettività: Michele Poerio, presidente Feder.S.P.eV. evidenzierà come i medici pensionati possono contribuire al benessere della collettività; Teresa Spampanato, vice presidente di ANLA Onlus, presenterà l’attività di  clown – animazione nelle RSA e negli ospedali delle Marche;  Antonio Ferrante, presidente ANLA Onlus Emilia Romagna, e Tiziana Marchetti illustreranno l’attività di trasporto e accompagnamento di persone destinate alla dialisi a Bologna;  Elvia Raia, presidente Senior Italia della Campania, parlerà di  Pronto Intervento Sociale in Campania. Di queste esperienze è disponibile approfondimento in apposita scheda.

Sottolinea il Censis in una ricerca condotta per Fondazione Esperienza e ANLA Onlus che nel 2012 sono stati quasi un milione (969 mila), vale a dire il 7% della popolazione over 65, gli anziani che hanno svolto attività gratuita di volontariato o partecipato a riunioni nell’ambito delle organizzazioni. Una quota in costante crescita, considerato che rispetto al 2007, se il numero dei volontari in Italia è aumentato del 5,7%, tra gli anziani si è registrato un incremento del 24,2% (pari a circa 200 mila persone): a testimonianza del ruolo sempre più attivo che questi hanno nella società. Si tratta di un riflesso della trasformazione che ha subito negli ultimi anni la società italiana e che ha fatto sì che nonni e genitori rappresentano oggi un pilastro fin troppo importante per il nostro welfare (tra 2004 al 2010 la quota di over 60 che aiuta economicamente figli e nipoti è balzata dal 31,9% al 47,9%).

Anziani come soggetti attivi di welfare, per l’aiuto economico ma anche per il concreto apporto che sono in grado di fornire intervenendo là dove non arriva più l’iniziativa pubblica: ecco allora gli anziani essere presenti nel sociale per un gesto di solidarietà e  di aiuto concreto verso altri loro coetanei più sfortunati; essere “custodi dei luoghi d’arte” o “ponti generazionali nel mondo del lavoro”; diventare “elemento di supporto per i giovani  nella scuola e nella professione” in quanto  “portatori di esperienze e competenze”; “preziosi anelli di congiunzione intergenerazionale di saggezza e di sapere”. Da qui le forme di un comune cammino, nelle forme sempre più da affinare, per dare ulteriore forza alle istanze condivise che potrebbero trovare maggiore ascolto presso l’opinione pubblica ed anche presso le Istituzioni.

Sottolinea il Coordinatore del Patto federativo a tutela degli Anziani e presidente ANLA Onlus Antonio Zappi:Il prossimo Convegno pensiamo possa essere una ulteriore occasione per suggerire e stimolare riflessioni sull’apporto degli anziani al welfare del nostro Paese e successive azioni tendenti a far sì che ognuno, dovunque collocato, si decida a ricordarsi di più del mondo al quale anche tutti noi siamo orgogliosi di appartenere e che vuole e può ancora dare tanto”.

Un convegno pensato dunque per: partecipare, come espressione di quel mondo del volontariato che, come detto di recente a Lucca il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, esprime “una voglia di un futuro migliore da costruire insieme… E’ un capitale sociale, che arricchisce tutti di valori di speranza, di fiducia. E’ una realtà capace di entrare nelle difficoltà e nei problemi della vita, aiutando chi ha bisogno a superare ostacoli, mostrando come sia possibile sentirsi più comunità e quindi rafforzando anche le istituzioni, incoraggiando all’impegno comune”; ascoltare esperti, politici, operatori; riflettere insieme e proporre  ossia formulare proposte alla luce delle riflessioni dell’on. Patriarca  con riferimento al disegno di legge di cui è il proponente insieme ad altri Parlamentari. Gli anziani come risorsa per il paese, ma “bisogna però utilizzarla questa risorsa, coinvolgerla, inserirla o reinserirla nel contesto sociale, riservando anche la dovuta attenzione alle sue esigenze ed ai suoi bisogni (previdenza, problemi assicurativi, salute, tempo libero, cultura) .E’ una risorsa che può ben contribuire a “spingere avanti” se sapremo lavorare tutti più insieme quando possibile e dove possibile, senza rinnegare nulla di noi stessi e delle realtà in cui già operiamo” sottolinea il coordinatore Zappi.

Fra i relatori al Convegno del 20 marzo, lo scienziato Edoardo Boncinelli: “La situazione della piramide della popolazione è totalmente cambiata: adesso sempre di più si ha un’abbondanza di persone di una certa età che ormai non ha più nemmeno senso chiamare “vecchi” perché spesso sono in ottima forma fisica e mentale. Bisogna cambiare mentalità perché queste persone devono e vogliono fare qualcosa di utile. Bisogna quindi adeguare le strutture sociali a questa nuova presenza dando a queste persone una nuova motivazione perché senza motivazione non si vive e dare loro un nuovo ruolo sociale. Ci vorrà tempo ma bisogna cominciare e poiché l’allungamento della vita è avvenuto poco per volta, quasi nessuno se ne è accorto ma ora è tempo di fare qualcosa…  Le passioni sono individuali ma hanno in comune una forza propulsiva eccezionale. Fino a poco tempo fa la passione di una persona di una certa età che stesse bene era per lo più viaggiare… ora non è che valga più questa aspirazione ma se ne affacciano altre. Occorre che queste persone si istruiscano continuamente e trovino ruoli soddisfacenti nella società. Non so dare ricette ma capisco che bisognerà partorire nuove idee per sfruttare questa che è a tutti gli effetti una componente nuova del panorama sociale e darle un obiettivo… Dobbiamo immaginare un ruolo nuovo in cui le competenze e le passioni delle persone anziane possano giocare un ruolo fondamentale”.

Particolarmente importante sarà il confronto con uno dei protagonisti del dibattito politico su questo importante tema, l’on. Edoardo Patriarca che sottolinea “L’immagine che l’anziano sia solamente un “consumatore” di risorse pubbliche, oltre che sbagliata, è fuorviante. In tutta Italia vediamo anziani che, in buona salute, impegnano il loro tempo libero nel volontariato in più ambiti del panorama sociale italiano e nel corso del convegno del 20 marzo ne daremo esempi concreti. Gli anziani oggi sono dunque una risorsa per il nostro Paese, per il contributo che essi danno al nostro vivere quotidiano. Come ho già ribadito più volte, prendersi cura della fragilità è per il nostro Paese “un investimento” perché mediante pratiche di invecchiamento attivo da un lato si contribuisce al benessere dei “più avanti in età”, dall’altro si ha un ritorno in termini di welfare oggi davvero importante”.

 

 

 

Pubblicato in Euroitalia, Politica | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Roma, presentazione volume sui Testimoni della fede in Europa centro-orientale sotto il regime comunista

Futuro Insieme

Quanti sono i martiri nei paesi comunisti ? L’8 marzo, ore 17:30, sarà presentato a Roma, in Gregoriana, l’ampio volume (1.250 pagine) con oltre cinquanta contributi sulle forme di persecuzione inflitte ai cristiani nei paesi a regime comunista, in odio alla fede. 

Beato Anton Durcovici (17 maggio 1888 – 10 dicembre 1951)

Dopo due anni di preparazione, sarà presentato ai lettori un nuovo volume della collana Storia della Chiesa in Europa centro-orientale dal titolo: Testimoni della fede. Esperienze personali e collettive dei cattolici in Europa centro-orientale sotto il regime comunista . Nel libro sono presentate diverse forme delle persecuzioni della Chiesa nei paesi del blocco sovietico, governati dal regime comunista, e nello stesso tempo la coraggiosa, spesso eroica, testimonianza della fede di alcuni cattolici.

Il volume, a cui hanno collaborato una cinquantina di autori, sarà presentato mercoledì 8 marzo alle ore 17:30 presso l’Aula Magna della Gregoriana dal Cardinale Angelo…

View original post 398 altre parole

Pubblicato in Simona C. Farcas | Lascia un commento

AGGIORNAMENTO: Terminata la protesta a favore della difesa dell’indipendenza delle istituzioni

Glocal.dot

Da Agerpres (Agenzia nazionale di stampa), 5 marzo 2017

Secondo una fonte ufficiale, circa 6.000 manifestanti hanno partecipato domenica sera alla “Marcia a favore di istituzioni indipendenti” che ha seguito un percorso che va da Piazza della Vittoria al Palazzo del Parlamento, al Ministero della Giustizia ed alla DNA (Direzione nazionale anticorruzione, ndt) per poi concludersi nel punto da cui è partita.

La protesta è terminata attorno alle ore 23.30 (GMT+2), non vi sono stati incidenti ed i manifestanti hanno riportato slogan antigovernativi e di supporto alla DNA.

Alla fine hanno gridato “L’abrogazione (della OUG 13, ndt) non cancella il tradimento”, “Romania, svegliati”, “PSD (Partito socialdemocratico, ndt), peste rossa”, “Non vogliamo essere un paese di ladri”.

AGGIORNAMENTO ORE 20.44 Bucarest: I manifestanti hanno osservato un momento di silenzio in ricordo delle vittime della Rivoluzione del 1989

I manifestanti sono arrivati domenica sera attorno alle ore 20.30 al kilometro 0 di…

View original post 35 altre parole

Pubblicato in Simona C. Farcas | Lascia un commento

CULTURA E PROFESSIONE, LA NUOVA RIVISTA SCIENTIFICA DI PSICOLOGIA DIRETTA DA ANTONINO URSO

Una novità assoluta nella realtà italiana.

E’ appena uscita la nuova rivista scientifica di Psicologia “Cultura e Professione” che ambisce a diventare la rivista della psicologia italiana.

copertina-cultura-e-professionePubblicata dalla Casa editrice Anicia, la rivista scientifica di Psicologia “Cultura e Professione” è stata lanciata a Roma giovedì, 2 marzo, dal suo direttore Prof. Antonino Urso. Presenti i Vicedirettori, Valeria Egidi Morpurgo e Mario D’Aguanno, personalità del mondo scientifico, accademico e culturale; numerosi  studenti e dottorandi della Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia università San Tommaso d’Aquino “Angelicum” di Roma.

“La sfera – sostiene Papa Francesco – può rappresentare l’omologazione, come una specie di globalizzazione: è liscia, senza sfaccettature, uguale a se stessa in tutte le parti. Il poliedro ha una forma simile alla sfera, ma è composta da molte facce. Mi piace immaginare l’umanità come un poliedro, nel quale le forme molteplici, esprimendosi, costituiscono gli elementi che compongono, nella pluralità, l’unica famiglia umana. E questa sì è una vera globalizzazione. L’altra globalizzazione – quella della sfera – è una omologazione” (Verona 2014, 3° Festival delle dottrine sociali).

“La nuova rivista scientifica di Psicologia “Cultura e Professione” – dichiara Antonino Urso – si pone proprio in quest’ottica di rispetto delle differenze, da qui la sua novità: in una realtà (quella italiana) dove esistono sì non poche riviste di psicologia ma che sono, il più delle volte, l’espressione di specifiche scuole di pensiero psicologico quando non organi di Associazioni di uno specifico indirizzo. “Cultura e Professione”, viceversa, si vuole porre come Agorà, piazza per un’incontro aperto tra diverse scuole di pensiero. E ciò è dimostrato ampliamente dalla composizione del Nostro Comitato Scientifico e di Redazione, dove sono presenti alcuni tra i maggiori rappresentanti italiani delle principali scuole di psicologia e psicoterapia e dei maggiori esperti nelle più diverse aree di applicazione della professione psicologica.

antonino-urso

Nella foto, a destra: Prof. Antonino Urso, direttore della nuova rivista scientifica di Psicologia “Cultura e Professione”, Ed. Anicia 2017.  (@Simona Cecilia Crociani Baglioni)

La Rivista vuole altresì offrire spazio ad un’ampia esposizione dei metodi di intervento psicologico che appartengono alla diverse tradizioni (psicoanalitica, cognitivo comportamentale, relazionale, sistemica, transazionale, ecc.); verranno descritte le diverse procedure, fornendoci importanti elementi tratti anche dalla dimensione della verifica empirica e dal ricorso alla “evidenza” dei risultati. Questo aiuta ad orizzontarsi in un panorama che, proprio perché non vuole legare i metodi di intervento a teorie troppo generali e lontane dall’esperienza clinica, rischierebbe di non essere compreso facilmente da chi non ne ha una diretta esperienza. Il lavoro diventa invece, così, anche un’occasione preziosa per conoscere, con l’aiuto di una buona guida, molti aspetti complessi dei modelli teorici più importanti nella psicologia e nella psicoterapia.”

cultura-e-professione-2017

Diretta da Antonino Urso.

La nuova rivista è strutturata lungo un continuum che comincia con le INTERVISTE ai Padri della Psicologia italiana (si comincia con Adriano Ossicini, dal 1947 docente di Psicologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università La Sapienza di Roma, lo stesso anno, insieme a Giovanni Bollea, apre a Roma il primo Centro medico psicopedagogico d’Italia; nel 1968 eletto al Senato della Repubblica; è promotore e principale artefice della legge per l’istituzione della figura dello Psicologo in Italia).

Adriano Ossicini

Adriano Ossicini è l’inventore del “Morbo K”, una malattia inventata per salvare gli ebrei dalle persecuzioni nazifasciste a Roma.

 Vengono quindi messe in risalto esperienze di BUONE PRATICHE in Psicologia, in questo numero un’esperienza di gestione di Gruppi di Psicoterapia per Adolescenti e Giovani Adulti in un Servizio Sanitario Pubblico di Roma; un progetto di sperimentazione che prevede lo Psicologo di Base (nelle cure primarie) nella regione Friuli Venezia Giulia; uno sportello di Psicologia offerto in occasione di un grande evento che riuniva centinaia di migliaia di persone (in occasione dell’incontro nazionale dei giovani con il Papa – Agorà 2007 a Loreto); un progetto alternativo al carcere (Sospensione del procedimento con messa alla prova) per giovani adulti che prevede l’intervento dello psicologo/psicoterapeuta. Seguono delle DISSERTAZIONI sui diversi campi di intervento della Psicologia, in questo numero: un lavoro sull’intervento dello Psicologo Scolastico (Sviluppo della memoria di lavoro e acquisizione delle abilità scolastiche), un’analisi del rapporto tra Adolescenza e Devianza nei giovani d’oggi (Adolescenza, devianza e marginalità sociale), un’analisi del concetto di Resilienza e di come tenerne conto nell’ambito della Formazione (Comprensione, Compassione, Comunicazione. Ovvero costruire sistemi resilienti). Si passa quindi a lavori che ripercorrono momenti salienti ed, a volte, poco conosciuti della Storia della psicologia (PER UNA STORIA DELLA PSICOLOGIA), in questo numero un articolo sul rapporto tra la Psicologia, in particolar modo la Psicoanalisi, ed il Comunismo nell’Unione Sovietica (Psicologia e Rivoluzione Bolscevica). Infine uno spazio per la RECENSIONE di CONVEGNI e TESTI.

Scarica il numero 0/2017 della Rivista

Visita il sito: http://www.culturaeprofessione.com/

Nella foto (da sinistra): dott.ssa Maryna Lelyk (sinistra), dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas, dott.ssa Tetyana Bratishko.

Nella foto (da sinistra): dott.ssa Tetyana Bratishko, dott.ssa Maryna Lelyk, dott.ssa Marianna Soronevych; Irakli Javakhishvili; dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas, presenti all’evento.

Nella foto con il prof. Antonino Urso, da sinistra: Irakli Javakhishvili, dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas e dott.ssa Tetyana Bratishko

Nella foto con il direttore della rivista, prof. Antonino Urso; da sinistra: Irakli Javakhishvili, dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas e dott.ssa Tetyana Bratishko

Nella foto: prof. Antonino Urso, dott.ssa Maryna Lelyk (sinistra), dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas, dott.ssa Tetyana Bratishko.

Nella foto: prof. Antonino Urso, direttore della rivista; dott.ssa Maryna Lelyk (sinistra); dott.ssa Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas, dott.ssa Tetyana Bratishko.

Il Prof. Antonino URSO, è Presidente dell’Associazione Italiana Psicoterapia Cognitivo Comportamentale di Gruppo (www.psicoterapiagruppo.org), professore incaricato di Psicologia Sociale e Psicodinamica dello Sviluppo e della Relazioni Famigliari – Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università San Tommaso di Roma; Docente di Etica e Deontologia – Facoltà di Psicologia dell’Università UNICUSANO; Docente / Didatta Scuola di specializzazione in Psicoterapia Cognitivo – Comportamentale dell’Adulto e dell’Età Evolutiva (Training School) di Roma, già (dal 2007 al 2014) Consigliere dell’Ordine degli Psicologi del Lazio e Coordinatore della Commissione Deontologica, è autore di numerosi testi tra i quali: “Metodi di ricerca in terapia e modificazione del comportamento” con Meazzini P. e Sanavio E., in Trattato Teorico Pratico di Terapia e Modificazione del Comportamento, Erikson, 1983; “Casi Clinici”, Terapia del comportamento, Bulzoni, 1991; “Psicoanalisi”, voce del Nuovo Dizionario di Bioetica a cura di S. Leone e S. Privitera, Città Nuova, 2004; “Etica e deontologia professionale” in M. di Giannantonio e M. Alessandrini Metamorfosi nella Psichiatria Contemporanea: competenze, esperienze, tendenze, Magi, 2006; “Il bullismo in Italia: cause e diffusione” in Gagliardini I. e Bortone G. L’aggressività e il bullismo nella scuola, prevenzione e intervento, Kappa, Roma, 2007; “Formazione etica ed etica della formazione” in Bortone G. Formazione e cambiamento, Aracne, 2008; Lo Psicologo va a Scuola: esperienze e strumenti di intervento (con Cipullo C. e Di Bonito T.), Anicia, 2008; “Efficacia della Psicoterapia” in Scienze del Pensiero e del Comportamento 2008; “Migrazione: etica sociale e accoglienza psicologica” (con Di Bonito T.) in Oikonomia, rivista di etica e scienze sociali, 2014; “Comunicazione e socialità. Alla base del senso dell’esistenza” in Favorini A.M. e Russo F. Relazioni e Legami nell’Esistenza Umana, la Lezione di Viktor E. Frankl, Franco Angeli, 2014; “Psicologia della Liberazione” in Scienze del Pensiero e del Comportamento, 2015; La Psicoterapia di Gruppo: l’approccio cognitivo comportamentale, Anicia, 2016; Maschera e Psicoterapia, Anicia, 2017.

Pubblicato in Euroitalia, psicologia, Simona C. Farcas | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 1 commento