Charlottenburg, Romania e Monteriggioni, Italia: tra storia e cultura, turisti a tutto tondo


Charlottenburg / Șarlota nel Banato.

Charlottenburg

Charlottenburg, Banato

 Fondato nel 1771, da 32 famiglie romano-cattoliche tirolesi provenienti da Trento (attuale provincia della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol), Charlottenburg  (Șarlota, in romeno), è un piccolo borgo a forma circolare del Banato, regione storica dell’ovest della Romania.  Il Banato è una regione dell’Europa Centrale, oggi divisa politicamente tra la Serbia, la Romania e l’Ungheria.  La regione è nettamente delimitata su tre lati da importanti fiumi: a nord il Mureş/Maros, ad ovest il Tibisco e a sud il Danubio. Sul lato orientale il Banato confina con i Carpazi, che conferiscono al Banato romeno un aspetto collinoso, al contrario del Banato serbo che fa parte del bassopiano Pannonico.

Nell’anno 1718, dopo il trattato di Passarovitz (firmato nella città serba di Požarevac), il Banato fu ceduto, dopo 164 anni di dominio turco, all’Impero austriaco. In seguito all’espansione asburgica, nela regione del Banato emigrarono i coloni germanici durante le cosiddette tre “grandi ondate di Svevi”contadini provenienti da aree differenti dei paesi di lingua tedesca e non soltanto dalla Svevia, ma anche da Baden Wuerttemberg, Austria Superiore e Inferiore, Alsazia, Lorena, la Renania, Westfalia, Baviera, Assia e Palatinato.

Charlottenburg fu costruito nel 1771, come tutti i borghi intorno a Bogda, durante la seconda ondata dei colonizzatori (1763-1772). Circa 30 famiglie provenienti dal Trentino ed altre regioni, per un totale di 131 coloni. Denominato Charlottenburg, dal nome di Charlotte, la moglie del  presidente del Banato: “Dorf von der Gemahlin des Präsidenten Graf von Clary und Altringen“.

Dott.ssa Simona C. Farcas

“Nel Settecento, la colonizzazione del Banato, regione storica dell’ovest della Romania, fu un’azione di ampia portata, sistematica e programmata nei minimi dettagli dall’amministrazione austriaca. All’epoca, il Banato, come la Transilvania, facevano parte dell’Impero Asburgico. Villaggi, città e strade furono disegnati in una simmetria che rispecchiava l’architettura e l’urbanistica dell’epoca.

Sito a soli 50 km da Timisoara, capoluogo della provincia di Timis, Charlottenburg è l’unico villaggio rotondo della Romania. Fu fondato attorno al 1770 da 30 famiglie di svevi, giunti dalla regione Baden-Wurttenberg, dalla Lorena e dal Tirolo, durante il regno dell’Imperatrice Maria Teresa. Gli storici dicono che queste famiglie si erano portate nei bagagli il piano del villaggio rotondo…

“Al centro del villaggio c’è una fontana coperta, con ottima acqua. Attorno c’è una piantagione di gelsi, dietro ai quali si trovano le case, che hanno nel cortile la stalla e la tettoia. Segue il giardino in cui c’è della vite. Tutte le case hanno la stessa altezza e la stessa distanza tra di esse, con un bellissimo stile simmetrico; al pari dei quattro ingressi nel villaggio, con la stessa distanza l’uno dall’altro.” Così veniva descritto Charlottenburg, il 5 marzo del 1779, da Johann Kaspar Steube, autore delle “Lettere dal Banato”.

La storia del villaggio non è molto diversa da quella dell’intera zona. A seconda dell’occupazione del Banato, cambiarono anche i proprietari del villaggio, ungheresi o austriaci, fino al 1921, quando la riforma agraria diede ai contadini le terre in proprietà, con la Grande Unione del 1918, alla fine della prima Guerra mondiale. All’inizio del Novecento, nelle vicinanze di  Charlottenburg fu fondato un parco di caccia, dove furono portati dalla Serbia dei daini, e dalla Boemia dei cervi.

All’inizio, vi venivano a caccia il fondatore del parco, il conte Siegfried von Wimpffen e i suoi ospiti, e più tardi i membri della corte reale romena, nel dopoguerra i soldati russi e i leader comunisti, e infine, i cacciatori dilettanti giunti da tutta l’Europa, in cerca di lupi, lepri, cinghiali, otarde e quaglie.

La comunità è rimasta relativamente chiusa fino al dopoguerra. Molti uomini non tornarono più dal fronte. Nel 1945, 43 furono condannati ai lavori forzati e deportati nell’Unione sovietica. Il villaggio fu anche costretto alla collettivizzazione comunista. Le terre furono nazionalizzate e tutti i contadini furono obbligati a lavorare nelle cooperative agricole di produzione del regime.

Charlotenburg – Sarlota  dal satelite (Google maps)

Charlotenburg – Sarlota dal satelite (Google maps)

Sul sito sarlota.de, Erhard Berwanger, abitante del posto, evoca l’atmosfera di Charlottenburg negli anni ‘60: “La preghiera, tenuta a fine ottobre, mi è rimasta in memoria come la più importante festa del villaggio. Allora si radunavano tutti i parenti, si abbatteva il gallo, che veniva cucinato e servito con salsa di rafano. I giardini delle case, grazie alla topografia del villaggio, erano abbastanza grandi e permettevano in gran misura l’auto approvvigionamento. Ma non ci fu per niente una vita idilliaca. Ci si lavorava sodo, con delle pause solo per le domeniche e le feste religiose, Con la nazionalizzazione delle terre, i contadini furono colpiti duramente. Il periodo più bello era quando le accace e i tigli erano in fiore e il profumo avvolgeva il villaggio. O d’estate, durante la fienagione. Al tramonto si sentivano dal parco di caccia i ruggiti dei cervi. In autunno, i giardini erano invasi dai cinghiali, per cui si dovevano custodire attentamente le colture. Ricordo che mentre si faceva la guardia, mio zio Philipp raccontava della sua deportazione in Russia, della lunga strada del  ritorno e della peregrinazione di due anni dalla Germania, verso casa.”

Oggi a Charlottenburg vive un unico tedesco. Ce lo ha confermato Mircea Sârbu, segretario al Comune di Bogda, che include anche Charlottenburg. Gli abbiamo chiesto cosa è successo con la comunità sveva del villaggio rotondo.

“Dopo il 1990, sono rimaste solo 5-6 famiglie di etnia tedesca, cosicchè oggi nel villaggio ce n’è  uno solo. Non ha voluto partire per la Germania, data la sua età avanzata. Le case vendute dagli svevi sono state comprate da gente di Timisoara, che le hanno riallestite e vi abitano d’estate, o nei fine settimana. C’è un agriturismo solo nel villaggio vicino, ad Altringen”, spiega Mircea Sârbu.

Charlottenburg

Charlottenburg, Banato

Charlottenburg è l’unico villaggio costruito a forma di cerchio in Romania, per cui è stato dichiarato monumento storico dal Ministero della Cultura, ci ha detto Mircea Sârbu.

Oggi il villaggio somiglia più a una mela. Nel mezzo ci sono la chiesa e la scuola, nuclei simbolici di una comunità dalla quale è rimasto solo un cerchio quasi perfetto di case. I 199 abitanti mantengono vivo il villaggio, mentre chi vi giunge dalla città lo visita solo per riposo e svago. A 2 km, c’è una piccola stazione ferroviaria.” Vedi Charlottenburg, il villaggio tondo come una mela di Andreea Demirgian – rri

Siti:

http://www.sarlota.de/index_r.htm

http://drumliber.ro/cocosul-din-charlotenburg-sarlota/

* * *

Monteriggioni in Toscana.

La festa medievale, XXIII edizione, il: 18, 19, 20, 25, 26, 27 Luglio 2014.

Monteriggioni

Monteriggioni

Situato all’estremità sud-occidentale del Chianti, nel cuore della Toscana, Monteriggioni è un incantevole borgo duecentesco, che ogni anno di luglio si anima di una suggestiva festa medievale. 

Ancora più imponente e maestoso dovette apparire a Dante Alighieri che lo vide in piena battaglia durante uno dei suoi viaggi. Il Castello nel pieno del suo splendore, a poche decine d’anni dalla sua fondazione per la sua forma circolare e le sue torri che come una corona che si elevano sulle mura, doveva apparire veramente grandioso e incutere un senso di maestà ciclopica se Dante se ne valse per per definire l’aspetto di Nembrotto, Fialte, Anteo gli smisurati giganti infissi nella voragine di Malebolge (Dante Alighieri Inferno Canto XXXI).

L’immagine di Monteriggioni è famosa nel mondo poiché il castello è la corona che cinge la testa all’effige dell’Italia in virtù della sua emblematica inespugnabilità.

Monteriggioni infatti per la tipologia della cinta muraria era una fortezza inespugnabile (vedi ricostruzione) che garanti dal 1213 data della sua fondazione e per trecento anni la libertà della repubblica senese resistendo a tutti gli assedi. Cadde nel 1554 a tradimento perché il capitano della guarnigione si accordò segretamente con i Fiorentini, consegnò la fortezza all’esercito fiorentino senza combattere, in cambio degli onori di soldato e dell’incolumità per la sua famiglia.

monteriggioni

Siti:

 http://www.monteriggioniturismo.it/

http://www.monteriggionicastle.com/

http://www.monteriggionimedievale.com/

Questa voce è stata pubblicata in Euroitalia, Simona C. Farcas e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Charlottenburg, Romania e Monteriggioni, Italia: tra storia e cultura, turisti a tutto tondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...