Revocare le massime onorificenze italiane ai tiranni comunisti, Tito e Ceausescu


Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Dal 10 febbraio, Giornata del Ricordo, nella quale l’Italia rende omaggio ai 10 mila nostri compatrioti massacrati nelle foibe, monta nel mondo degli esuli istriani, giuliani, fiumani e dalmati, come in larghi settori dell’opinione pubblica italiana, la richiesta al   nuovo Capo dello Stato Sergio Mattarella, di revoca del Gran Cordone dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, che Giuseppe Saragat conferì nel 1969 al primo responsabile delle foibe, il Maresciallo Tito.

Foto: Il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat con il Presidente della Jugoslavia Tito.

Foto: Il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat con il Presidente della Jugoslavia Tito.

 E’ infatti intollerabile che la massima onorificenza dello Stato fregi ancora, quantunque scomparso dal 1980, il dittatore comunista jugoslavo, autore delle feroci stragi che si protrassero dal settembre 1943 a dopo la fine della guerra.

Tra le 10 mila vittime delle foibe, vanno inclusi i triestini trucidati dai partigiani titini durante l’occupazione di Trieste. Poco o punto fecero gli inglesi subentrati ai titini a Trieste. Anzi, la repressione continuò fino alla liberazione del 24 ottobre 1954.

La RepubblicaItaliana in un impeto di recupero della dignitànazionale  e per l’affermazione di una memoria storicacondivisa, dopooltre mezzo secolo di oblio, con il nuovoPresidente Mattarella, dovrebbe oggi revocare l’alta decorazione che il Presidente Saragat improvvidamente conferì al carnefice di migliaia di italiani.

Foto: Nicolae Ceauşescu con  Giorgio Napolitano (1974)

Foto: Nicolae Ceauşescu con Giorgio Napolitano (1974)

Valga come esempio il precedente per il quale, infuriando la Rivoluzione in Romania, appresa la strage di Timişoara, di cui la coppia Ceauşescu fu responsabile, il 23 dicembre 1989, la regina Margherita II di Danimarca e, il 24, la regina Elisabetta II del Regno Unito, revocarono immediatamente i rispettivi Ordini reali supremi conferiti in precedenza a  Nicolae Ceauşescu. Ciò accadeva alla vigilia del processo per i gravi delitti di strage e dell’esecuzione del tiranno comunista romeno.

Foto: Particolare della Rivoluzione romena del 1989.

L’Italia anche in quell’ora non provvide a revocare l’alta decorazione pure a Ceauşescu  conferitagli nel 1973 dal Capo dello Stato Leone.

Elena Ceausescu insieme a Donna Vittoria Leone, al Quirinale, il 21 maggio 1973.

Elena Ceausescu insieme a Donna Vittoria Leone, al Quirinale, il 21 maggio 1973.

I familiari e discendenti delle vittime delle foibe debbono avere oggi almeno un gesto di riparazione sia pur simbolico, che non può ulteriormente tollerare l’abuso compiuto nel tentativo bieco quanto goffo di stendere sulla tragedia delle foibe un oblio storico al punto di onorarne il carnefice e far dimenticare i suoi delitti di genocidio. giorno_ricordo

Nessuna ragione politica, senza pretendere di processare il passato e i suoi protagonisti macchiatisi dei peggiori delitti contro l’umanità, ma per affermare dinanzi alla storia e alle giovani generazioni, l’esigenza di rendere onore ai martiri ed additare ai posteri le vie della giustizia ed agli italiani, dopo 70 anni, sopiti gli scontri ideologici, ideali di pace ed una memoria storica condivisa.

Fernando e Simona Cecilia Crociani Baglioni

Roma, 15 febbraio 2015

Questa voce è stata pubblicata in Euroitalia, Simona C. Farcas e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...