Una storia di orrore all’interno dell’Arcipelago Gulag


“Sull’isola di Nazino, l’uomo ha cessato di essere un uomo. Si è trasformato in sciacallo”. Pietra miliare nella letteratura sul comunismo sovietico degli anni ‘30, L’isola dei Cannibali, ci impone tante riflessioni costringendoci a riconsiderare la tragica storia del Novecento.
Un secolo in cui, alla luce delle evidenze provenienti dall’ex Unione Sovietica, non ha più senso parlare di “giorno della memoria” riferendosi a un singolo orrore.

Nicolas Werth – L’ isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all’interno dell’arcipelago gulag. Corbaccio 2007, 16,60 euro. Pagine: 189 – Traduttore: Francesco Roncacci
ISBN: – EAN: 9788879728645

massimilianodipasquale

Nicolas Werth – L’ isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all’interno dell’arcipelago gulag

L' isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all'interno dell'arcipelago gulag L’ isola dei cannibali. Siberia, 1933: una storia di orrore all’interno dell’arcipelago gulag

Sull’isola c’era una guardia di nome Kostja Venikov, era giovane. Faceva la corte a una bella ragazza, anche lei deportata. La proteggeva. Un giorno, dovendosi allontanare, disse a un compagno. ‘Sorvegliala tu’, ma quello, con tutta quella gente intorno non riuscì a fare granché… qualcuno la prese e la legò a un pioppo: le tagliarono il petto, i muscoli, tutto quello che si poteva mangiare, tutto, tutto… avevano fame. Bisognava pur mangiare.
L’agghiacciante passo tratto da L’isola dei Cannibali non è l’incipit compiaciuto di un libro noir che per assecondare i gusti feticisti di certi lettori, indulge in particolari macabri di dubbio gusto. L’isola raccontata da Nicolas Werth, storico francese esperto di questioni sovietiche, esiste realmente. Si chiama

View original post 572 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: