Romania e corruzione: il popolo fermò “l’aministia”


170203122152-02-romania-corruption-protest-0131-exlarge-169

-di MAGDA LEKIASHVILI-

Vi ricordate? Poco fa il parlamento Russo aveva votato per depenalizzare la violenza domestica. Nessuna protesta da parte dei cittadini o gruppi politici contro questa iniziativa legislativa. Invece la gente scende in piazza in Romania. La protesta non riguarda la violenza domestica, ma la depenalizzazione di alcuni reati di corruzione contro la quale si sono ribellati circa trecentomila manifestanti.

La prima fimmata della protesta viene innescata attraverso i social network, Facebook in particolare, ma nei giorni seguenti le strade di Bucarest sono piene ben oltre gli appelli attraverso il web. Non solo nella capitale: la gente protesta scende in piazza in altre cinquanta città della Romania. Alla fine vincono i cittadini. Ieri, infatti, il primo ministro, Sorin Grindeanu, ha annunciato che abrogherà il decreto che avrebbe sostanzialmente depenalizzato alcuni atti di corruzione. I manifestanti hanno legittimamente festeggiato.

170203121443-03-romania-corruption-protest-0202-restricted-exlarge-169

Non vorrei dividere la Romania. In questo momento, a…

View original post 333 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in Simona C. Farcas. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...